30 set 2016

thistlegorm: il relitto più famoso del mondo



Ne Il Mondo del Silenzio, di Louis Malle, il Capitano Albert Falco compie la prima immersione su un relitto affondato in Mar Rosso durante la seconda guerra mondiale e l’immagine della campana con quel nome, Thistlegorm, è subito leggendaria. Stipato con motociclette, camion, sidecar, fuoristrada, parti d’aereo, vagoni ferroviari, stivali di gomma e munizioni, (un numero incredibile di stivali e munizioni) il cargo è una vera macchina del tempo. Non avrei mai immaginato, quando vidi il film, che un giorno immergermi su quel relitto sarebbe diventato il mio pane quotidiano. >>>>

15 set 2016

IUCN : la scala del riscaldamento degli oceani è sconcertante

"La scala del riscaldamento degli oceani è davvero sconcertante con dei numeri così grandi che sono difficili da comprendere per la maggior parte delle persone."


Apre così lo studio presentato pochi gorni fa dalla IUCN, International Union for Conservation of Nature.
Uragani sempre più devastanti e sempre più a nord, lo scioglimento dei ghiacci e il conseguente innalzamento dei mari, migliaia di chilometri di preziose barriere coralline ridotte a fantasmi di loro stesse, sono solo gli effetti più visibili (e vistosi) del riscaldamanto degli oceani. Pochi conoscono però le altre conseguenze del riscaldamento. Oggi i vibrioni del colera  possono sopravvivere in Alaska e nel Baltico, e sono un centinaio le alghe tossiche per l'uomo (come la ciguatera) che stanno proliferando in modo esplosivo.
A quanto pare è stato il mare, più dell'atmosfera, ad assorbire  gli effetti del riscaldamento globale. Fino al 93%.

"Il riscaldamento degli oceani potrebbe rivelarsi la più grande sfida in agguato per la nostra generazione."

Nel 1956 il meteorologo Carl-Gustav Rossby ipotizzava che grandi quantità di calore sarebbero state sepolte negli oceani. E avvertì:

"Le manomissioni sono pericolose. La natura può essere vendicativa. Dovremmo avere un grande rispetto per il pianeta su cui viviamo."

Lo studio si può scaricare in .PDF senza costi nè bisogno di iscrizioni direttamente dal sito IUCN ed è disponibile in Inglese, Francese, Spagnolo

14 set 2016

kiribati - cronache illustrate da una terra (s)perduta


Kiribati sta affondando. A nulla varrà la danza del suo pesista alle Olimpiadi. Tra pochi anni la nazione arcipelago fatta di isole, di vite sparse per 5000km da Est a Ovest nel Pacifico, non esisterà più.

Vedere Kiribati prima che sparisca è il sogno forse un po’ amaro di un esploratore del nostro secolo.
Due ragazzi di Milano questo sogno l’hanno realizzato..
leggi tutto >>>

5 set 2016

la mia prima volta al lago: operazione ceresio pulito


Solo una persona al mondo m'avrebbe convinto a immergermi al lago. Alborelle e pareti bianche putroppo hanno guadagnato al massimo l'alzata di un mio sopracciglio. E questo lo sapeva anche lui, Nello. E Nello sapeva che non avrei detto di no alla pulizia dei fondali. Trafficare col fango e sott'acqua m'è sempre piaciuto. Più l'acqua è torbida più mi piace scavare trafficare e ravanare, alzando un botto di sospensione. E al lago strappare qualcosa al fondale, equivale a generare un fungo atomico nero nella nebbia marrone. "Io con te in grotta non ci vengo!" Era dal '94 che non facevo un'immersione in Brail. Mi mancava!

Per una serie di circostanze difficili da spiegare in un breve post, mi ritrovo con Nello e Mary Poppins, ed un'altra trentina di subacquei, a pulire i fondali del Ceresio davanti a Bissone, in Svizzera, con una tre millimetri prestata e un'attrezzatura in uno stato che spaventa i presenti.

L'Associazione Fondali Puliti Ceresio non scherza. A darci una mano a riva a raccatare ciarpame e scaraventarlo in una benna tra le panchine del lungolago ci sono i membri femmine del Municipio in elegantissimi jeans e guanti da giardiniere.


L'acqua è limpidissima, prima del nostro ingresso. E' pieno di gamberi. Mi pento di aver tolto la casa a uno di loro asportando dal fondo un vecchio, magnifico pitale in ghisa laccata. Per un sacco di creature, mi rendo conto, sono stato peggio di Katrina, ma in quanto a plastiche e altri inquinanti...
Le alghe (anzi le piantine acquatiche) non me le immaginavo così tenere, bombolose da ovetti pru-pru. Ero abituato alle foreste di Kelp, quella visione vichinga, gotica post-ossianica.
Il lago è tenero, quasi fru-fru.

A operazione conclusa ha fatto capolino un ministro del Cantone, in polo a righine e rigorosamente senza scorta nè elicotteri, poi il pranzo offerto dal Comune sotto i portici antichissimi che ricordano la Liguria. Sì, i paesini lungo il Ceresio non ricordano tanto il Lario, quanto la Liguria. Seduto con noi c'è anche il sindaco, che decide di regalare a tutti i volontari due libri su Bissone. Li sfoglio e mi rendo conto che sono due prodotti editoriali pazzeschi, uno sugli artisti e l'altro sui collegamenti transalpini, una vecchia fissazione svizzera. Ricerche documentali vertiginose e cura editoriale all'altezza. Ve lo immaginavate voi che un Francesco Borromini, uno dei massimi esponenti del barocco a Roma fosse proprio di Bissone?

Bene. Alla fine mi son trovato io a ringrazire tutti: il sindaco per quei libri magnifici, l'organizzazione per l'organizzazione e Mary Poppins per aver sopportato il mio bassissimo livello estetico.
Ma soprattutto ringrazio Nello per avermi fatto scoprire un ambiente marino... pardon, acquatico (vedi che è più forte di me?) che è più che piacevole!
Soprattutto se c'è da trafficare, ravanare...


PS
Vi chiederete: ma.... possibile che uno che chiamavano Mr.Thistlegorm non abbia mai fatto immersioni al lago? In Inghilterra e per emergenza. Sopattutto nelle quarries. And You know what I mean...

http://www.asfopuce.ch/

1 set 2016

le profondità misteriose delle bermuda in un video


Navi che tornano dal passato, intere flotte scomparse, un triangolo fitto di mistero... l'ombra degli alieni?


Per ora niente di tutto questo:
A Bermuda la corrente del golfo incontra le acque oceaniche più profonde e più fredde, e gli scienziati (altro che basi UFO) la sondando alle varie profondità. Cercano di scoprire cosa sta succedendo alla corrente del golfo ai tempi del riscaldamento globale.

Godetevi il video di The Guardian: contiene quell'emozione crepuscolare e torpida di semi-veglia. Emozioni che solo la discesa e la risalita da un abisso possono darti.

Sì, perché quel 'seascape' me lo ricordo. Ero a bordo di uno di questi sottomarini nella Fossa di Cayman: coralli frusta e spirografi, bianchi, giganteschi. Il giorno s'affievoliva centinaia di metri sopra di noi, il mondo virava nell'indaco mentre scendevamo nel crepuscolo. Sotto trovate il link al racconto.
Dedicato a tutti gli abissonauti!

ricerca...
https://www.theguardian.com/environment/video/2016/aug/17/bermuda-deep-sea-exploration-ocean-video-reef-coral-research

e misteri...
http://www.dailymail.co.uk/news/article-3490072/Has-secret-Bermuda-Triangle-finally-discovered-Scientists-giant-craters-underwater-explain-ships-disappear-without-trace.html

http://www.centrometeoitaliano.it/attualita/scoperta-gigantesca-piramide-nei-fondali-del-triangolo-delle-bermuda-video-8560/

leggi il racconto  Sogni Abissali